IN-STRUCTURE

– A n A u d i o v i s u a l P e r f o r m a n c e –

b y NOBU _ LAB

MOOGGER FOGGER PRODUCTION

NOBU_LAB utilizzano sia strumentazioni elettroniche analogico/digitali che “field recordings”,per creare un’esperienza introspettiva nell’ascoltatore.
Parte essenziale della loro ricerca è dedicata allo sviluppo di sistemi interattivi (in ambiente MaxMsp) in grado di fornire un controllo gestuale del suono attraverso l’impiego di accelerometri posti sul corpo del performer che, oltre a permettere un’immediata corrispondenza suono/movimento, forniscono una maggiore libertà improvvisativa all’interno della performance.
Gli elementi chiave della loro performance sono: enfatizzare le qualità tattili dei suoni,ricreare ambienti reali che circondano lo spettatore e aumentare il lato percettivo dell’esperienza sincronizzando la musica con un’ esperienza visiva.
I visual e la scenografia che Paola ha disegnato per IN-STRUCTURE si basano sulla semplice ma efficace idea di proiettare fasci astratti geometrici di luce su tele trasparenti. Contrariamente alla maggior parte dei visual usati nelle performance musicali questi non vogliono aggiungere un significato o un immaginario predefinito alla musica. Essi piuttosto fungono da punto focale ipnotico per lo spettatore ,reso possibile attraverso l’utilizzo delle qualità tattili ed illusorie della luce proiettata su una struttura di teli trasparenti (con all’interno i performers),in uno spazio sonoro quadrifonico.
Si cerca di fornire al pubblico la possibilità di trascendere i confini della performance.

The NOBU_LAB music is at once highly physical and rich in texture, using both analog/digital electronic instruments, and field recordings to create a dark and introspective listening experience.
An essential part of their research is focused to develop interactive system (MaxMsp ambient) which provides a gestural control of the sound through accelerometers on performer’s body. This allows an immediate corrispondence between sounds and movements as well as a greater improvisation freedom inside the performance.
The key elements in their performance are: emphasize the tactile qualities of sounds, recreate real ambients surrounding the audience and increase the perceptive side of the experience synchronizing music and visual.
Visuals and scenography that Paola designed for IN-STRUCTURE are based around the simple but highly effective idea of projecting slowly developing, abstract geometrical beams of light to a transparent canvas. In contrast to most visuals used at musical performances, these moving shapes do not seek to add a certain meaning or concrete imagery to Nobu_LAB music. They rather function as a hypnotic focal point and a way to relieve the audience from the boundaries of the performance space, made possible through the use of the tactile and illusory qualities of light projected onto a transparent structure (with the performers inside) in a quadriphonic audio space.