OPHELIA – TEASER 2

– A n A u d i o v i s u a l L i v e S e t P e r f o r m a n c e –

b y NOBU_LAB

M U S I C :

M a n f r e d i B o r s e t t i

E l e u t e r i a A r e n a

V I S U A L S :

P a o l a R o b e r t i

P R O D U C T I O N :

M o o g g e r F o g g e r

Partendo dall’osservazione dell’ “Ophelia” di John Everett Millais, i NOBU_LAB hanno steso una linea drammaturgica sonora e visiva che vede come protagonista una cantante- musicista.

Attraverso il suo canto prendono vita dei luoghi interiori, l’ambiente sembra rispondere al suo richiamo con suoni che ricordano elementi della terra mentre la struttura musicale, di base elettronica, rende lo strumento in scena capace di risuonare in un vortice di possibilit√†, dalla D&B ai canti gregoriani…. Il personaggio agisce in un mondo che si trasforma grazie al supporto del mapping; proiettando immagini ed effetti luminosi sullo sfondo e sul trono di Ophelia, si tenta di far immergere lo spettatore nella poesia dell’emotivit√† visivo-sonora.

Starting from the observation of the painting “Ophelia” by John Everett Millais , the NOBU_LAB have drawn an audio and visual dramaturgical line whose main character is a singer-musician.
Through her song the inner images come to life, the background seems to respond to her call using sounds of earth elements, while the musical structure, basic electronic, makes the instrument on the stage be able to resonate in a vortex of possibilities, from D & B to Gregorian chants …. The character acts in a world that can be transformed thanks to the support of the mapping, projecting images and light effects in the background and on the throne of Ophelia, they try to dip the viewer in the visual poetry of emotion-sound.